Home / Madri con bambini

madriconbambiniLe storie dietro alle madri – ancora in gravidanza o con uno o più bambini piccoli – accolte nella casa famiglia sono estremamente diversificate. Ogni storia individuale è una storia a parte.

L’arrivo di una gravidanza porta scompiglio in coppie fragili, o temporanee, soprattutto se il bambino non è ugualmente desiderato da entrambi. Quando le donne fuggono da compagni che non vogliono diventare padri, quando sono sole, senza relazioni collaboranti, la casa famiglia le accoglie. La gravidanza viene portata a termine, la madre ed il figlio sostenuti nel loro nuovo percorso insieme verso l’autonomia.

Appena ha saputo che ero incinta se ne è andato. Che vigliacco. Non ha sentito ragione. Il figlio nostro lui non lo voleva. Che me ne facessi una ragione. Poi un giorno non c’era proprio più. Se ne era andato. E cosi’ sono venuta qui.” Karina


Molte delle donne che abbiamo ospitato fuggono invece da compagni violenti, da un progetto di vita di famiglia che si è rivelato fallimentare, nel quale la donna e i bambini sono le vittime. Il coraggio di sporgere denuncia, pero’, porta con sè il rischio di ritorsioni. Una nuova paura, la perdita di altre sicurezze. Nella casa famiglia il nucleo madre-figli trova rifugio prima che si ripropongano nuovi progetti di vita.

Molte sono le storie di sfruttamento, di speranza nei guadagni facili e di ingenuità: c’è chi ha commesso dei reati in Italia ed è stata mandata in carcere con un bambino che deve ancora nascere. C’è chi arriva a Fiumicino piena di progetti di cambiamento e di un carico di droga. Viene fermata e arrestata. C’è il carcere. Ci sono bambini che nascono in stato di detenzione. Poi gli arresti domiciliari nella nostra stuttura, insieme al bambino, fino al termine della pena. Dopo, c’è da ricostruire tutto un nuovo percorso.


Molte sono storie di solitudine e isolamento, di distanza dal paese di origine, di assenza di una rete di sostegno. Perdere il lavoro, perchè c’è quel bambino in arrivo, vuol dire perdere tutto: il guadagno, la casa, l’autonomia. Tutto quello che era stato conquistato scompare, da un momento all’altro. Spesso arrivano a noi inviate dalle parrocchie che le hanno accolte.

“In Ucraina lavoravo in fabbrica ma guadagnavo una miseria. Avevo un figlio piccolo e lo dovevo mantenere, lui e mia madre. I soldi non bastavano mai. L’ho lasciato a mia madre e sono venuta qui. Ho trovato lavoro in un albergo e tutto andava bene. Pero’ appena si sono accorti che ero incinta mi hanno mandata via. Non potevo più pagare l’affitto. I soldi messi da parte sono finiti presto. Ho dormito per strada per qualche giorno ma poi ho deciso che no, non potevo finire cosi’. Ho chiesto aiuto in una chiesa. Mi hanno detto di venire qui. Qui è nata mia figlia. Penso che presto potro’ andare via con lei. Torno in Ucraina. Ricomincio da li'”. Luda


Ci sono poi le vittime della tratta di essere umani: la promessa di un lavoro stabile, l’illusione di una nuova vita si trasforma presto in vera e propria schiavitù. La gravidanza pero’ fa scattare dei meccanismi di difesa. Come per chi viene dal mondo della prostituzione, le ragazze arrivano ad Ain Karim spesso dietro la segnalazione dei servizi sociali.

Dietro le storie di altre ospiti ci sono problemi psichiatrici forti, dipendenze da alcool, droghe e altri comportamenti devianti. Spesso c’è semplicemente il rifiuto della famiglia di appartenza di sostenere una gravidanza giovanile non riconosciuta, non accettata.

Cerchiamo di fare del nostro meglio per sostenere le madri e i loro figli e sappiamo di essere efficaci nella maggior parte dei casi. Non tutte le donne, pero’, riescono a cogliere l’opportunità di cambiare, l’occasione di acquisire strumenti di crescita e libertà, la possibilità di essere sostenute e accompagnate. Dopo un breve soggiorno, se ne vanno. Accettiamo con rassegnazione, in questi casi, che a poco è valso il nostro intervento in situazioni molto deteriorate e complesse, nelle quali non è stato possibile riaccendere il desiderio e la speranza di cambiare, dove era troppo facile il ritorno nel giro dell’illegalità e grande il disorientamento.